Distretto Po - Direttiva Acque - Corpi idrici sotterranei 2015

Titolare - Nome*
Autorità di Bacino distrettuale del Fiume Po

Editore

Autore

Titolare - Codice Ipa/P. Iva*
adbpo

Editore - Codice Ipa/P.Iva

Autore - Codice Ipa/P. Iva


Descrizione*
Corpi idrici sotterranei del Piano di Gestione del Distretto del fiume Po redatto ai sensi della Direttiva Europea 2000/60/CE. Riguardano, secondo la definizione della direttiva, tutte le acque che si trovano sotto la superficie del suolo nella zona di saturazione e a contatto diretto con il suolo o il sottosuolo. Un corpo idrico sotterraneo è definito, sempre dalla Direttiva, come un volume distinto di acque sotterranee, contenuto da una o più falde acquifere (a loro volta definite come uno o più strati sotterranei di roccia o altri strati geologici di porosità e permeabilità sufficiente da consentire un flusso significativo di acque sotterranee o l'estrazione di quantità significative di acque sotterranee). Nella zona di pianura del distretto del fiume Po, caratterizzata dalla presenza di ingenti spessori di sedimenti porosi, sono stati individuati diversi livelli sovrapposti di corpi idrici, dai più superficiali ai più profondi. I corpi idrici sono quindi stati raggruppati, nella zona di pianura, per “sistemi di circolazione”: freatico, superficiale, profondo. Anche per le zone di collina e di montagna sono stati individuati corpi idrici di tipo carsico o fratturato, descritti come appartenenti al sistema collinare-montano. Tutti i corpi idrici del Piano di Gestione del Distretto del fiume Po sono caratterizzati in termini di pressioni significative, stato ambientale, impatti e obiettivi ambientali. Le pressioni sono le variabili direttamente o potenzialmente responsabili del degrado ambientale, e una pressione è definita “significativa” qualora da sola, o in combinazione con altre, contribuisce ad un impatto (un peggioramento dello stato) che può mettere a rischio il raggiungimento degli obiettivi ambientali di cui all’art. 4, comma 1, della Direttiva 2000/60/CE. Lo stato ambientale delle acque sotterranee è composto dallo stato chimico e dallo stato quantitativo, e può essere buono o scarso. È classificato sulla base di specifici parametri indicati dalla normativa vigente. L’obiettivo ambientale per un corpo idrico indica lo stato (chimico e quantitativo) che il corpo idrico deve raggiungere entro una certa data, grazie alle misure che vi vengono applicate.

URI*

Temi*

Sottotemi

Parole chiave

Data di rilascio
17-12-2015

Frequenza di aggiornamento*
UNKNOWN

Data di ultima modifica*
17-12-2015


PUNTO DI CONTATTO


Nome
Autorità di Bacino distrettuale del Fiume Po

Email
beatrice.bertolo@adbpo.it


Estensione temporale

Data inizio: 2015-12-17, Data fine: 2021-12-31;


Copertura geografica
12.88, 46.51; 6.55, 46.51; 6.55, 43.79; 12.88, 43.79;

Url geografico

Lingua
ITA

Versione

Conformità

Altro identificativo

Pagina di accesso


DISTRIBUZIONI

  • SHP

Licenza - Nome*

Licenza Sconosciuta



CATALOGO


Titolo*
RNDT - Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali - Servizio di ricerca

Descrizione*
Il servizio di ricerca del RNDT fornisce l'accesso ai metadati su dati e servizi territoriali delle Pubbliche Amministrazioni italiane. Esso è conforme alle specifiche CSW (ISO Application Profile) di OGC e alle linee guida INSPIRE sui servizi di ricerca

Editore - Nome*
Agenzia per l'Italia Digitale

Data ultima modifica*
2021-02-18

Home page